Salviettine bio: una carezza più naturale per la pelle del bambino

Detergenti, creme e latte per la pulizia del viso, pannolini lavabili e quelli con amido di mais ma non solo. Anche le salviettine per pulire il sederino dei bambini hanno la loro versione bio. Realizzate con componenti naturali, e perciò più delicate sulla pelle, non hanno parabeni, alcol e sostanze schiumogene che possono irritare la cute più sensibile. E soprattutto sono biodegradabili per l’ambiente.

 

Chi ha bambini lo sa, per loro si fa tutto e si cerca di dar loro il meglio. Attenzioni, tempo, sport, vacanze ma non solo.

Sempre più genitori cercano di stare attenti a quello che si dà da mangiare, a cosa si compra e cosa si porta poi in tavola (dalle calorie agli zuccheri passando per i coloranti ed i conservanti per arrivare all’origine degli ingredienti e al metodo di produzione).

Da alcuni anni a questa parte, inoltre, i genitori con figli in tenera età hanno iniziato a guardare con occhio più attento anche i prodotti per l’igiene, per il bagnetto, per la cura della pelle del proprio piccolino. Se poi il bimbo ha un’epidermide particolarmente sensibile, facilmente arrossabile, tendente ad avere brufoletti, eritemi o dermatiti, non c’è mamma o papà che non si sia informato e indirizzato verso prodotti meno di massa, meno commerciali, acquistando prodotti con componenti di origine vegetale, consigliati da amiche, farmacisti, erboristi o anche da pediatri green.

E tra oli per il bagnetto senza nichel, creme per gli arrossamenti alla calendula, pannolini biodegradabili fatti con amido di mais, doposole con l’aloe, ecco che sono giunti in commercio anche le salviettine biologiche.

Con cosa sono realizzate?

Senza parabeni, ftalati, alcol e sostanze schiumogene, quando utilizzate non provocano arrossamenti istantanei del sederino, non perdono liquido se strizzate, rispettano il ph della pelle con delicatezza.

Il tessuto solitamente utilizzato è la viscosa naturale 100% biodegradabile, anche se alcune marche utilizzano il cotone 100% naturale non indicandone la biodegradabilità. Tutte le salviettine bio non sono testate sugli animali mentre alcune marche possono non essere biodegradabili. Alcune marche biodegradabili indicano anche la possibilità di gettarle nei rifiuti organici, dato la loro formulazione vegetale, o addirittura nel gabinetto (entro un limite di tre salviettine).

Senza profumo, o con profumazione di origine naturale, alcune hanno dell’olio di karitè come emolliente, altre marche utilizzano estratti di camomilla, calendula, melissa ed olio di oliva provenienti da agricoltura biologica. Ci sono poi le salviettine con l’aloe e quelle con l’avena unita alla camomilla e alla calendula dato le note proprietà lenitive di questi fiori.

Ovviamente i prezzi possono essere un po’ più alti di quelli delle salviettine più note e commerciali, possono essere presenti in numero minore per pacchetto e non in tutti i supermercati si possono trovare. Online si trovano facilmente. Per il prezzo maggiore si può pensare ad usarne di meno, utilizzandole solo quando si va in giro ed usando invece acqua e spugnetta (come facevano le nostre mamme e nonne) quando si è in casa. In pratica si può imparare a consumarle in maniera intelligente. E l’ambiente ne ringrazierebbe.

 

Recenti

Crescenza

CRESCENZA BIO ESSELUNGA ** la prova Sapori equilibrati e piacevoli, acidità equilibrata, gradevole in bocca se consumata diversi giorni prima

Leggi Tutto »

Uova

https://youtu.be/rIBcQpB5Hn0 Le uova biologiche provengono innanzitutto da allevamenti all’aperto, dove le galline sono libere. Nel provare le marche che ci

Leggi Tutto »

chips di mais

https://youtu.be/MoWpELFFJpA Chi dice che i prodotti bio non possono essere anche sfiziosi? Ecco, noi abbiamo trovato delle chips di mais

Leggi Tutto »

croissant 1

https://youtu.be/FFOWuEmjZq8 Il croissant è tra i prodotti per la colazione più semplici e consumati nel mondo occidentale. Talvolta vengono consumati

Leggi Tutto »

solobio.net