prodotti bio per la casa

Noci per lavare: una soluzione ecologica ed economica

Un’alternativa ecologica ed economica ai detersivi chimici esiste: le noci saponine o noci indiane. Riutilizzabili per più lavaggi e a termine vita gettabili nel compost o nell’organico, da usare con lavaggi a partire da 40°.

 

Sentiamo sempre che i detersivi inquinano, che i loro residui dagli scarichi della lavatrice arrivano nelle acque del mare, lasciando la loro scia nei fiumi, che non fanno bene nemmeno alle fibre dei tessuti e alle pelli sensibili a causa della patina che si attecchisce invisibile sulle trame dei capi non consentendo una corretta traspirazione dell’epidermide e che sembra imbalsamare i vestiti.

Come possiamo sostituirli? Cosa si può usare di ecologico, naturale?

Una soluzione ce la forniscono le noci saponine.

Cosa sono?

Non sono noci come le intendiamo noi da mangiare, sono noci frutto dell’albero Sapindus Mukorossi, una pianta presente soprattutto in India. Questi gusci sono ricchi di saponina vegetale (chimica come quella presente nei detersivi), che viene rilasciata durante il lavaggio, permettendo così di pulire i tessuti senza l’utilizzo di sostanze chimiche detergenti e ammorbidenti.

Come si usano?

In primis va detto che non bisogna mettere i gusci di queste noci così, libere, nel cestello della lavatrice ma vanno riposte in un sacchetto di stoffa, di cotone e poi messe nel cestello con il bucato. La quantità varia dalle 4 alle 10 mezze noci in base al carico da lavare e a quanto sono sporchi i capi.

In caso di macchie molto difficili da lavare è sempre consigliato pretrattare con il sapone di Marsiglia o con del perborato di sodio.

Il lavaggio preferibilmente deve essere a 40° per permettere alla saponina contenuta nei gusci di sprigionarsi attraverso il calore dell’acqua. Molti la usano già a 30° e va benissimo per i lavaggi dei capi bianchi a 60°. Meglio evitare i cicli brevi da 30 minuti perchè la saponina si attiva meglio alle alte temperature e con il movimento meccanico della lavatrice.

 

Ecologiche, economiche e riutilizzabili.

Le noci nel sacchetto di cotone possono essere riutilizzate più volte (da 3 a 5 lavaggi), sono adatte a qualsiasi tipo di tessuto, anche i più delicati come la seta o il cashmire, non lasciano patina o sostanze chimiche sui capi e non irritano la pelle.

Quando non rilasciano più saponina possono essere gettate nel compost o nei rifiuti organici. Un sacchetto lo si riusa per diversi lavaggi e la confezione da 250 grammi (che costa sui 4 euro) dura mesi. Inoltre dato la proprietà non solo lavante ma anche emolliente funzionano non solo come detergente ma anche come ammorbidente di natura vegetale. Da ricordare che non sono disinfettanti nè antibatteriche.

Con queste noci è possibile pure fare dei decotti pre-trattanti per macchie molto resistenti.

Se si ama sentire dei profumi, dato che le noci saponine sono inodore, potrete aggiungere, nel cassetto/vaschetta dove solitamente si mette l’ammorbidente, delle gocce (3-4 sono sufficienti) di olio essenziale all’aroma da voi più gradito come la lavanda, il mughetto, la rosa.

Recenti

Crescenza

CRESCENZA BIO ESSELUNGA ** la prova Sapori equilibrati e piacevoli, acidità equilibrata, gradevole in bocca se consumata diversi giorni prima

Leggi Tutto »

Uova

https://youtu.be/rIBcQpB5Hn0 Le uova biologiche provengono innanzitutto da allevamenti all’aperto, dove le galline sono libere. Nel provare le marche che ci

Leggi Tutto »

chips di mais

https://youtu.be/MoWpELFFJpA Chi dice che i prodotti bio non possono essere anche sfiziosi? Ecco, noi abbiamo trovato delle chips di mais

Leggi Tutto »

croissant 1

https://youtu.be/FFOWuEmjZq8 Il croissant è tra i prodotti per la colazione più semplici e consumati nel mondo occidentale. Talvolta vengono consumati

Leggi Tutto »

solobio.net