La filosofia del “BIO” è anche una moda?

Facciamo insieme qualche riflessione sul biologico e su ciò che vuol dire vivere bio.

Non nascondiamoci dietro un filo d’erba (anche se suona molto bene!). La filosofia “bio” è per molti una moda o, più semplicemente, un modo per provare a cambiare vita. Nel secondo caso vale la pena di approfondire seriamente il discorso, perché vivere ed alimentarsi con prodotti biologici significa davvero tornare alle origini, approfittando della modernità: vivere le nostre giornate accumulando meno stress, meno malattie, meno allergie, meno di tutto il peggio che i ritmi di oggi ci impongono. Nel primo caso, invece, (quello della moda) il successo è determinato soltanto dalla costanza e dalla caparbietà di chi intende approfondire queste tematiche seriamente.

Essere Bio non è una moda, è un modo di vivere che ci riporta alle origini della nostra natura umana. A cominciare dal cibo.

Compra che ti passa.

Se tra qualche tempo le cose andranno peggio sul piano della qualità dei servizi e dei prodotti offerti, sarà soprattutto colpa di chi fa il furbo e propone articoli ben confezionati, ben presentati, ma di dubbia provenienza. Già oggi si trovano in commercio articoli spacciati per biologici che però non rispondono alle normative italiane che regolamentano questo settore ancora protetto. Preferite la qualità nostrana, quella di casa nostra! Un esempio? per legge un ortaggio “bio” si definisce tale perché è stato coltivato senza l’utilizzo di sostanze chimiche o artificiali. Ma se in un altro paese le normative sono differenti e si trova il modo per far vendere qualsiasi cosa purché si guadagni qualche soldo, allora si arriverà anche a stabilire che la patata “bio” di Chernobyl, prima o poi, verrà utilizzata in qualche modo.

Suonerà strano, ma in Italia le regole imposte sui prodotti BIO sono tra le più restrittive, perciò abituiamoci a credere che, almeno per ora e per questo settore, possiamo stare tranquilli.

W l’Italia. In questo caso, siamo davvero all’avanguardia.